Follow by Email

giovedì 14 luglio 2011

Apologia del gambero fresco






Questa è la stagione dei gamberi. Al mercato troverete quelli freschi, locali, che sono magnifici e costano ancora poco. Approfittatene per acquistarli e semmai conseervarli in freezer, a me non durano mai molto perchè tutti in casa li adorano ....

Il consiglio che vi dò è di non utilizzare mai quelli surgelati, dico MAI!

A parte il fatto che provengono da luoghi lontanissimi (e addio ai km zero, o almeno non troppo lontani...) per la conservazione viene utilizzata l'ammoniaca che si sente moltissimo nella cottura e vi rovinerà qualsiasi piatto.

La caratteristica dei gamberi freschi, invece, è che hanno un sapore delicato ma allo stesso tempo molto caratterizzante e hanno bisogno di pochissima cottura e pochissimi aromi, che ne coprirebbero il sapore.


Ecco quindi una ricetta velocissima e adatta anche a delle occasioni importanti. Io l'ho preparata per suggellare una nuova amicizia nata un po' per caso: linguine ai gamberi rossi.

Per quattro persone vi serviranno:

320 gr di linguine

400 gr di gamberi rossi freschi

3 pomodori rossi ma sodi

1 spicchio di aglio

4 cucchiai di olio e.v.

basilico

Una premessa. I gamberi vanno sempre sgusciati e le teste utilizzate. Non lasciate i carapaci, che costringeranno i vostri ospiti a risolvere al momento imbarazzanti quesiti esistenziali del tipo: uso le mani o coltello e forchetta? facendo loro rischiare la classica macchia nei vestiti....

Sgusciateli a crudo, è un'operazione semplice e velocissima. Se non ne avete voglia, al mercato c'è chi lo farà per voi.

Ma proseguiamo nella ricetta.


Nella padella in cui farete anche saltare la pasta fate insaporire l'aglio nell'olio, poi toglietelo. Aggiungete le code sgusciate e le teste, poi quasi subito il pomodoro, sollevate la fiamma e fate cuocere per pochi minuti, aggiungendo semmai pochissima acqua della pasta, salate e aggiustate di piccante, se vi piace.

Scolate la pasta al dente e mantecatela nel condimento, poi aggiungete il basilico.

Allora, non è tutta un'altra cosa?

domenica 3 luglio 2011

Matrimonio perfetto (anche se non Reale)


L'estate dà la possibilità di creare tanti piatti leggeri da preparare anche con anticipo, in maniera da averli pronti quando si torna dal mare o dal lavoro. Le verdure estive, in particolare, sono profumate, belle da vedersi e anche economiche (il che non guasta) ma spesso vengono proposte in maniera banale o cotte nella maniera sbagliata. Chi non ha mai provato quelle verdure grigliate che sembrano bollite oppure, al contrario, bruciate? Eppure servono solo pochi accorgimenti e un tempo limitato, al massimo mezz'ora, per preparare un piatto strepitoso come quello che vi propongo oggi e che piace sempre molto a tutti: insalata di verdure grigliate e pecorino fresco di giornata. Un connubio veramente azzeccato di freschezza e leggerezza.

Per quattro persone vi serviranno 1 peperone, 2 zucchine medie, una melanzana, 1 piccola cipolla fresca, 300 gr di pecorino fresco, olio di ottima qualità e tante erbe aromatiche.
Tagliate le verdure: le zucchine a rondelle della grossezza di circa mezzo cm e così le melanzane. Bruciacchiate la pelle del peperone direttamente sulla fiamma del fornello o mettetelo sotto il grill, poi fatelo raffreddare avvolto nella carta argentata e spellatelo. In una piastra calda sistemate le zucchine unte di olio in entrambe i lati e fatele cuocere a fuoco vivace. Devono restare croccanti. Per le melanzane, invece, dovrete avere maggiore attenzione perchè dovranno essere ben cotte. Tagliate la cipolla e passatela nellla piastra calda con poco olio per qualche minuto. Sistemate le verdure, che avrete salato e pepato, in un piatto da portata, adagiate sopra di esse il formaggio tagliato sottile e completate con olio extra vergine e le erbe aromatiche.
Un matrimonio perfetto!