Follow by Email

sabato 31 luglio 2010

gli involtini primavera di Wendy

video

Prima di tutto mi scuso per il lungo silenzio. Agosto è un mese che mi rende un po' stanca.... Ma oggi vi devo proporre una magnifica ricetta di involtini primavera della mia amica Wendy Acla Faelden. Wendy è filippina, ma vive a Cagliari ormai da tantissimi anni. Nel video potrete vedere la sua maestria nel prepararli. Vi occorreranno: un trito di abbondante di cipolla e aglio da far rosolare in olio. Aggiungete poi minuscoli cubetti di patata, carota poi piselli e salsa di soya. Utilizzate poi i fogli pronti per involtini primavera che trovate nei negozi di specialità esotiche, preparate gli involtini e friggeleli in abbondante olio caldo ma non bollente. Fidatevi di Wendy. E di me

mercoledì 14 luglio 2010

Big in Japan



Oggi mi sento un po' esotica. Sarà perchè vorrei già essere in vacanza (credo di non essere la sola), sarà perchè mi piacerebbe moltissimo trovarmi in un paese orientale come il Giappone...
Oggi ho voglia di sushi!
Non mi voglio spacciare per una sushi woman (anche perchè i giapponesi inorridirebbero dato che i maestri di sushi sono quasi esclusivamente uomini), ma con molta pazienza, molte prove, gli strumenti e i libri giusti, riesco a tirar fuori un prodotto credo discreto, rispetto almeno a quello che si vede in giro.

La raccomandazione è che il pesce sia molto fresco e venga messo in freezer per almeno 48 ore per distruggere il parassita anisakis (questo soprattutto per il tonno e il pesce azzurro). Poi, per il resto, molta pazienza nel cuocere il riso, il cui procedimento è il seguente:prima di tutto dovete utilizzare un riso glutinoso a chicco tondo (prendete o quello da sushi oppure, se non lo trovate, quello originario). Lavatelo sotto l'acqua corrente fino a che non ha perso l'amido e l'acqua non è limpida, poi scolatelo e fatelo asciugare 15 minuti. Pesate una quantità di acqua uguale al riso e cuocetelo coperto a fiamma alta, per poi abbassarla quando comincia a bollire. Aspettate 12 minuti circa, poi sollevate la fiamma per un ultimo minuto. Lasciate riposare sempre coperto. Rovesciatelo in un largo recipiente in legno (o di un materiale cattivo conduttore di calore) e fatelo raffreddare mescolando e sventolando allo stesso tempo (per accelerare il raffreddamento).
Mentre mescolate, aggiungete la miscela composta da aceto di riso e zucchero (la trovate anche pronta nei negozi esotici). Il riso deve raffreddarsi completamente e va conservato a temperatura ambiente.

Poi utilizzatelo con il pesce nei rolls con l'alga nori(Maki), nelle polpettine allungate (Nigiri) mentre il pesce può essere servito anche solo (sashimi).
Non dimenticate lo zenzero in salamoia e la salsa di soya.
E per accompagnare, niente vino, il tè verde è perfetto!!

venerdì 9 luglio 2010

La sottile arte del riciclo




Confessatelo, aprire il frigorifero e vedere quegli avanzi di pasta, carne o pesce è una cosa che fa tristezza! Voirreste che si smaterializzassero o che vostro figlio adolescente, preso da un attacco di fame improvviso, li facesse fuori. Allo stesso tempo non li volete buttare, perchè è sempre una cosa fastidiosa sprecare il cibo.
Ma a volte le situazioni di svantaggio si possono trasformare in opportunità, anche in cucina!
Prendete la pasta avanzata: aggiungete le uova sbattute, sale, pepe e poco parmigiano (semepre che no si tratti di una pasta di pesce), poi fate una frittatina (friggetela, per una volta non vi sccederà niente!)e guarnitela come volete. Nella foto ho messo mozzarella, pomodorini, acciughe e basilico fresco. Non mettetela in frigo, gustatela a temperatura ambiente. E' squisita!

La seconda proposta invece riguarda il pesce, nel mio caso del salmone (crudo) e del pesce lesso. Mettetelo nel mixer con una piccola patata lessata, un cucchiaino di senape (di quella buona, non lesinate!!), un trito aromatico, sale e pepe. Formate delle palline, infarinatele e friggetele. Sono ottime calde o a temperatura ambiente. Nella foto sono servite con una insalatina di rucola e una salsa di peperone grigliato, olio e peperoncino.

Vi fanno ancora schifo gli avanzi?