Follow by Email

sabato 3 novembre 2012

Il mio ragù


Questo è il mio ragù con la pasta fatta in casa. Mi piace cos', con poco pomodoro, molta carne e una cottura lunga che sa di ricetta della domenica.
Perchè dietro al ragù c'è un rito: ci vuole calma, il tempo un po' uggioso, come oggi, e una domenica mattina rilassata, nella quale avere il tempo di impastare, soffrigere, aspettare.
A me piace accompagnare questo sugo con la pasta fatta in casa, bianca o verde, come nella foto. La ricetta è sempre la stessa: 1 uovo per ogni 100 gr di farina 00. Se volete aggiungere gli spinaci, non dovete far altro che frullarne 100 gr bolliti nella farina e poi aggiungere le uova, contandone uno in meno per non avere una pasta troppo fresca e difficilmente lavorabile. Usate poi la macchina per la pasta per ottenere il formato che vi piace di più, tagliolini o tagliatelle e fatela asciugare fino al momento di cuocerla.
Una volta preparata la pasta, dedicatevi al ragù.
Prendete una carota media, una piccola cipolla, una costa di sedano e titateli finemente, poi fateli soffriggere lentamente in 4 cucchiai di olio. Fate questa operazione senza fretta, a fuoco basso, le verdure dovranno diventare tenere e ammorbidirsi senza essere sottoposte a un calore forte, perchè altrimenti non si amalgamerebbero al condimento. Dopo circa 10 minuti (tanto richiede questa prima operazione), aggiungete 500 gr di carne macinata di maiale e manzo e fatela cuocere a fuoco un po' più veloce. La carne deve essere rosolata e solo a questo punto aggiungerete mezzo bicchiere di vino rosso che farete evaporare per bene. Terminata questa fase, aggiungete il pomodoro pelato frullato, mezzo kg, regolate di sale, abbassate il fuoco, coprite e fate cuocere lentamente per circa 1 ora. Se vi piace, potete aromatizzare il sugo con una foglia di alloro o un ciuffetto di salvia fresca.
Il profumo di questo ragù vi inonderà la casa. E' un profumo di casa, di pranzi in famiglia, di domeniche lente e sonnecchiose, ravvivate da questo meraviglioso piatto.

Nessun commento:

Posta un commento

cosa ne pensi?